Buzz Marketing

Rumore e Comunicazione

L’INNOVAZIONE DEL VECCHIO BUZZ!!

Parole onomatopeiche e divertenti sono la base della comunicazione 2.0 e affondano la propria origine nella più antica e radicata strategia pubblicitaria: il passaparola.

Il Wom altro non è che la contrazione di Word of Mounth – passaparola – ed è basato sul principio che un consumatore felice è la miglior pubblicità che un’azienda possa avere e che ottenere il rispetto dei consumatori fa sì che essi consiglino il vostro prodotto e facciano marketing per voi.

Per Buzz invece si intende nell’utilizzo di intrattenimenti o notizie di alto profilo per far parlare le persone del brand; tale processo non è autonomo ma innesca attività di marketing online e offline, con la finalità di ottenere un effetto di propagazione del rumore.

Il buzz, che ricorda il rumore degli insetti è basato sulla costruzione di una community  attraverso blog, forum e social media basandosi sulla crescita di notorietà del brand unita alla buona reputazione.

Condividere, conversare ed interpretare i feedback e le emozioni sono la base del Buzz.

Il buzz ha una sola controindicazione: non si può mentire!